Sandro Amata Originario di Troina (EN), studia Storia Orientale (vecchio ordinamento) all’Università “Alma Mater” di Bologna, frequenta successivamente il corso di Specializzazione in “Archeologia Orientale” dell’Università “La Sapienza” di Roma. Rientrato in Sicilia inizia a collaborare con le Soprintendenze di Agrigento, Caltanissetta ed Enna nel settore degli scavi archeologici. Concentra i suoi studi sulla presenza punica nel centro Sicilia e sugli aspetti legati alla numismatica siculo – punica. Dal 2007 al 2013 e Responsabile Scientifico dello scavo archeologico condotto nel sito greco – arcaico di Monte Giulfo a Villarosa (EN). È stato responsabile scientifico dei lavori di recupero e valorizzazione del villaggio rupestre di Vallone Canalotto a Calascibetta (EN). Ha partecipato ai Congressi Internazionali di Studi Fenicio e Punici di Cadice (Spagna) e Palermo relazionando sulla presenza punica nel centro Sicilia e su un’importante collezione privata di monete puniche.  Ha partecipato alla Missione Internazionale dell’Università “La Sapienza” a Byblos (Libano). Ha curato importanti eventi di divulgazione scientifica come quello della presentazione del Decreto di Entella A2 e la presentazione delle importanti scoperte archeologiche fatte nel sito di Contrada Gerace (En) dal Prof. Roger Wilson. Ha svolto conferenze sulla distruzione del patrimonio archeologico della Mesopotamia da parte dell’Isis, sulla storia antica di Enna, sulla numismatica punica, sugli scavi di Monte Giulfo e sui danneggiamenti del patrimonio archeologico del centro Sicilia. È stato docente all’Università Kore di Enna per le discipline di Egittologia, Archeologia e Storia dell’Arte del Vicino Oriente e Archeologia Fenicio – punica.

 


Il libro di Sandro

 

La collezione Cammarata – Le monete puniche


Le pubblicazioni di Sandro 

 

1) “Un pendente in vetro da Caltagirone”, in “Studi di Egittologia ed Antichità Puniche”, n.4, Bologna 1989. 2) “Monete puniche nelle collezioni italiane- Enna Museo Alessi”, in “Bollettino di Numismatica”, vol. II, Roma 1989. 3) “Montagna di Marzo, Lugar entre el mito y la historia”, in “Revista de Arquelogia”, n.135 , Madrid 1992. 4) “Cozzo Scavo (Caltanissetta). Rapporto preliminare della campagna di scavo 1993”, in “OCNUS”, Bologna 1994. 5) ” Gela, Piazza Calvario. Giugno- Luglio 1992″, in ” Kokalos”, n.XXXIX-XL- 1993-1994,  Tomo II, Palermo 1996. 6) “Vetri della collezione “Cammarata” di Enna”, in “Studi di Egittologia ed Antichità Puniche”,  n. 15, Bologna 1996. 7) “Catalogo del Museo Archeologico di Gela”, AA.VV., Caltanissetta 1999. 8) “Storia del < Mons Martius>”, in “Il Sole24Ore”, n. 56, Milano 27 febbraio 2000 9) “La collezione Cammarata. Nota preliminare per lo studio di una collezione punica di Sicilia” in atti del IV Congresso Internacional de Estudios Fenicios y Punicos”, Càdiz 1995, Cadice 2000 10)”Da Malpasso a Cacarella”.  Itinerario archeologico di Calascibetta, Enna 2001. 11) “Cozzo Scavo: i rinvenimenti numismatici delle campagne di scavo 1993 e 1996”, in “Kokalos”  XLIII-XLIV – 1997-1998, Tomo II 1, Roma 2002. 12)”Villarosa. Itinerario archeologico del territorio, Enna 2002 13)”Parliamo di archeologia,…ma delle pendici”, in “ENNA Provincia”, Anno V – n. 7-8,  Enna 2002 14) “La Mesogheia e il mondo Punico nella Sicilia di età Ellenistica”, in Atti del V Congresso Internazionale di Studi Fenico-Punici, Palermo 15) La collezione  Cammarata.Le monete puniche . Enna 2007. Monografia. 16) Morgantina e il mondo punico, in “Il Museo Archeologico di Morgantina – Catalogo” (Enna 2014). 17) Il sito archeologico di Monte Giulfo, in “Villarosa, le emergenze architettoniche e gli itinerari turistici del territorio, manufatti e siti da valorizzare, Villarosa 2015. 18) ENNA: l’area del castello di Lombardia e il Santuario di Demetra, in “Studi in onore di Carmela Angela Di Stefano” in corso di stampa. In corso di studio: 1)  Monte Giulfo. Le campagne di scavo 2007-2009. 2) L’insediamento rupestre di C.da Canalotto a Calascibetta.