Renata Vetri Mannino (1930-2016)

Renata Vetri Mannino è nata il 10.10.1930 dal Prof. Giuseppe Vetri e dalla N.D.Tanina Grimaldi. Ha studiato all’Istituto Tecnico per Ragionieri Duca d’Aosta di Enna e successivamente ha conseguito il diploma di maestra per l’infanzia con abilitazione al grado preparatorio e il diploma di insegnante di Economia Domestica. Sposata con Dino Mannino il 18/02/1948, madre di cinque figlie Mariolita, Ludovica, Rossana, Arianna e Marcella, nonna di sette nipoti e due pronipoti. Donna di non comune intelligenza, sensibilità ed equilibrio ha profuso con generosità le sue qualità in famiglia e nella professione essendo stata per 35 anni stimatissima maestra di scuola materna. Tali qualità emergono dai suoi scritti, da lei definiti “pensieri e riflessioni”, che toccano sia momenti personali di particolare intensità sia impressioni e osservazioni sull’ambiente nel quale è vissuta del quale ha saputo cogliere con grande capacità espressiva (anche con l’utilizzo del vernacolo ennese) le peculiarità. È venuta a mancare nel Febbraio del 2016.

 


Il libro di Renata

 

Leggile poesie di Renata

di Giuseppe Mistretta. Una raccolta di pensieri poetici di rara bellezza, poesie che come tele svelano, immagini vere impresse coi colori reali attraverso l’uso della lingua Siciliana ma non solo. Pregiate col sapor d’antico, nella loro semplicità, sono sempre commoventi e veritiere in grado di trasmettere al lettore   emozioni. L’amore e l’attenzione per la terra Siciliana l’archetipo dunque dell’opera. Una silloge come uno scrigno prezioso, una raccolta di maturi pensieri ed immagini, attraverso cui la poetessa svela magistralmente aspetti crudi come di rara bellezza dell’Isola Sicilia.