Giuseppe Ferrante, avvocato e scrittore, nasce ad Enna nel 1933. Nel 1955, dopo aver superato il relativo concorso, diviene funzionario di cancelleria e fino al 1961 dirige la sezione civile del Tribunale di Enna. Nello stesso anno si trasferisce con la famiglia ad Iseo in Lombardia ove svolge la funzione di cancelliere dirigente della locale Pretura. Nonostante abbia superato gli esami di cancelliere capo, nel 1965 si dimette dal suo ufficio iniziando la professione di avvocato e di professore di diritto ed economia negli istituti superiori. Nel 1975 svolge la funzione di vice Pretore onorario nella Pretura di Breno ( valle camonica). Torna ad Enna nel 1978 ove svolge la sua attività forense e di professore. Nel 1999, in coincidenza col suo pensionamento, si trasferisce a Catania, assumendo la funzione di Giudice di Pace. Nel 2000 è nominato Giudice aggregato nella prima Sezione Stralcio del Tribunale di Catania, svolgendo a tempo pieno attività giurisdizionale fino al 2004. Il 23 febbraio 2002 introduce i lavori del convegno nella sala delle adunanze del Palazzo di Giustizia di Catania sul tema “Le sezioni stralcio dei Tribunali dopo tre anni e la durata ragionevole dei processi”. Nell’apposita relazione propone una serie di riforme idonee alla realizzazione di tale annosa questione. In tale veste di G.O.A. viene nominato membro della commissione distrettuale della Corte di Appello di Catania designata all’aggiornamento dei Giudici Onorari. Nello stesso anno pubblica il suo primo volume di narrativa “Donna di Voglia 1943”, nel quale riscopre tratti e momenti di vita tragici, ma anche piacevoli, della comunità ennese nel periodo bellico. Nel 2006 pubblica con la casa editrice “Ila Palma”, nella collana di narrativa “Meridiana”,  il volume “ I  Racconti di Roccadisopra”, un gustoso e colorito affresco della vita di provincia. Con la stessa editrice e nella medesima collana nel 2010 pubblica il romanzo “Un treno lungo più di cent’anni fino ad Enna da Castrogiovanni”, oggetto, nel 2014, di un audio libro, a cura dell’associazione Radiusu. Il musical, nella sua originalità, narra e canta di una Sicilia problematica e triste, lieta e romantica d’altri tempi.  Quest’opera, attraverso la musica e la calda voce di Alfio Patti e la narrazione di Orazio Costorella diviene sceneggiatura e teatro, così che il tempo del racconto appare eguale a quello della storia. Nel 2013 con la casa editrice Bonanno per la collana Eliconea pubblica il volume “Il politeista di provincia”. In esso vi è la parabola umana del protagonista Carlo, una sorta di cataro dell’età contemporanea, simile a quella di una schiera di testimoni di un’epoca storica ricca di idoli che, come meteore, hanno affascinato e illuminato l’ultimo travagliato secolo. Nel 2014 con l’editore “associazione Radiusu” pubblica il romanzo breve “La straula di don Nenè”, in cui lo scrittore descrive paradossalmente una Sicilia fatta “di un coacervo di anime desiderose di un duce che senza loro fatica li conducesse, ma senza guidarle, perché i siciliani, orgogliosi come sono, sanno, da tempo remoto, come e dove perdersi”. Tale libro viene riprodotto in audio con successo di ascolto mercè il talento narrativo di Orazio Costorella e la sapienza musicale dell’aedo di Sicilia Alfio Patti. Il 28 giugno 2014 riceve a San Gregorio il premio Antonio Mignemi. Nell’autunno 2015 pubblica, Algra editrice, un altro volume dal titolo “Racconti dal feudo”, per la collana “Scritti” diretta da Alfio Patti. In esso, oltre ad estratti dei precedenti suoi libri, vi sono sei inediti suggeriti da una visione, pur sempre critica, della comunità siciliana. Nel marzo 2021 pubblica “La breve stagione di un martire” in cui si narra la vicenda tragica di un giovanissimo soldato richiamato alle armi nel maggio 1943 e trucidato dai nazifascisti nel febbraio 1944.


Gli audio libri di Giuseppe

 


I libri di Giuseppe

 

La breve stagione di un martire

di Giuseppe Ferrante. Il protagonista Orazio è uno dei numerosissimi giovani in armi che nel travagliato periodo compreso tra 1’8 settembre 1943 e il 25 aprile 1945 fu indotto a scegliere tra due schieramenti. Da un lato v’era il morente regime fascista e dall’altro un’Italia in procinto di ridisegnare una nuova organizzazione politica e sociale. Il protagonista, pur immerso in un pauperismo culturale diffuso, trova 1a strada di una redenzione verso i valori universali, del tutto disattesi dall’oscurantismo di un regime autoritario e dal pensiero unico. Nel tragitto che doveva condurlo a “casa” si scontra con una realtà di violenza e di barbarie, che fa rivivere in lui e mettere in pratica quelle virtù apprese in famiglia e nel suo paese d’origine. È una scelta tanto forte da portarlo al martirio, così come accadde ad altri difensori della civiltà e dell’umanità.

La straula di don Nenè

Leggi recensione di Augusto Lucchese 

Racconti dal feudo – viaggio di un utopista
Un treno lungo più di cent’anni sino ad Enna da Castrogiovanni – Leggi recensione di Marcello Scurria
Donna di Voglia
Enna: vivere o sopravvivere?
I racconti di rocca di Roccadisopra
Il politeista di provincia Leggi recensione di Alfio Patti

 


Racconti brevi 

 

Leggi L’avvocato Filippo Siciliano da Pietraperzia, il partigiano “Aquila”

Leggi  gli Spunti di riflessione per la riforma della giustizia civile

Leggi Quando eravamo sicchi – Spigolature e quadretti di un anziano degli anni trenta del secolo scorso

Leggi Ci sentivamo i padroni del mondo – Spigolature e quadretti di un anziano degli anni trenta del secolo scorso

Leggi U Rilivu, ossia Piazza Scelfo – Spigolature e quadretti di un anziano degli anni trenta del secolo scorso

Leggi Il mondo dei diversi, l’infelicità e la barbarie di un epoca – Spigolature e quadretti di un anziano degli anni trenta del secolo scorso

Leggi Il parsimonioso – Spigolature e quadretti di un anziano degli anni trenta del secolo scorso

Leggi Luigino e Carminidrru – Spigolature e quadretti di un anziano degli anni trenta del secolo scorso

Leggi  – Il gelato a giugno, don Pippino, don Vannuzzo e Casabianca – Spigolature e quadretti di un anziano degli anni trenta del secolo scorso

Leggi Forma e sostanza – Letterati “a perdere”

Leggi Luigi Svaluto, avvocato, politico e poeta

Leggi L’uomo non ha radici fisse, non è un albero

Leggi La pompa a mano di vendita della benzina e i carbonai ad Enna negli anni 40’

Leggi La colonia degli umanisti Xibetani nel liceo  “Napoleone Colaianni” di Enna dal 1945

Leggi – Il 28 maggio 1974 poteva essere il mio ultimo giorno

Leggi – Quando eravamo bambini “cattivi”

Leggi – I “samurai” in valigia delle signore fiorentine

Leggi – Riflessioni…apocalittiche di un insonne di buon senso

Leggi – Prima che giunga il buio della notte